Enter into His rest

Entra nel Suo Riposo


Enter into His rest
Porzione della Torà B’REISHEET – B’reisheet (Genesi) 1:1-6:8

“Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Lavorerai sei giorni e in essi farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è sabato, sacro all’Eterno, il tuo DIO; non farai in esso alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo servo, né la tua serva, né il tuo bestiame, né il forestiero che é dentro alle tue porte; poiché in sei giorni l’Eterno fece i cieli e la terra, il mare e tutto ciò che è in essi, e il settimo giorno si riposò; perciò l’Eterno ha benedetto il giorno di
sabato e l’ha santificato.”
Esodo 20:8-11 LND

Shabbat shalom carissimi!

La maggior parte dei credenti non osserva lo Shabbat, e la maggior parte non osserva nemmeno la domenica, anche se crede che sia un giorno santo. Io ero uno di loro. Non avevo mai sentito o pensato di dover tenere il sabato (giorno dello Shabbat) come giorno di riposo. Per me, essendo una figlia di credenti pentecostali, il sabato era più un giorno di shopping – se fossimo dovuti andare in una città più grande per fare shopping, il sabato sarebbe stato il giorno. Il sabato era anche il “Giorno di Sauna” – la sera, la sauna veniva riscaldata, e tutta la famiglia si lavava a fondo perché il giorno dopo sarebbe stata la domenica, e il tempo di andare alla congregazione. Tuttavia, non ho mai avuto la convinzione di mantenere sacra la domenica. Quando sono cresciuto, lavoravo tutti i sabati e le domeniche dopo aver studiato tutta la settimana, felice di ricevere un doppio stipendio per il lavoro domenicale. Non avevo mai nemmeno pensato di dover osservare lo Shabbat, era qualcosa di completamente estraneo per me, qualcosa di ebraico, e quando leggevo la parola “Shabbat” dalla mia Bibbia, si convertiva automaticamente alla domenica nella mia mente.

Ho preso alla leggera tutti i comandamenti del “Vecchio Testamento” perché li consideravo non validi e “adempiuti da Gesù”, quindi non avevo bisogno di osservarli. Eppure, mantenere lo Shabbat è uno dei 10 comandamenti, ma per me avere un qualsiasi “giorno santo” era solo una cosa opzionale, come lo è per molti, molti cristiani. Anche quelli che insegnano le radici ebraiche possono dire: “Lo Shabbat non è un obbligo ma un invito”.

Tuttavia, YHVH ha un punto di vista diverso su questo – dice:

“Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Lavorerai sei giorni e in essi farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è sabato, sacro all’Eterno, il tuo DIO; non farai in esso alcun lavoro.” Esodo 20:8-10 LND

Egli ci comanda di osservare lo Shabbat e proibisce qualsiasi lavoro nel giorno dello Shabbat. L’insegnamento cristiano tradizionale sostiene che Gesù ha adempiuto alla Legge così che noi non dobbiamo farlo e che i comandamenti sono stati aboliti. Eppure, Yeshua, il Messia stesso, era molto chiaro sul tema dell’osservare i comandamenti dei Suoi Padri:

«Non pensate che io sia venuto ad abrogare la legge o i profeti; io non sono venuto per abrogare, ma per portare a compimento. Perché in verità vi dico: Finché il cielo e la terra non passeranno, neppure un iota, o un solo apice della legge passerà, prima che tutto sia adempiuto. Matteo 5:17-18 LND

Enter into His rest

Yeshua stesso ha osservato i comandamenti di Suo Padre (nota: non riferendosi alle tradizioni rabbiniche) diligentemente e si aspettava che noi facessimo lo stesso. Ci ha portato un’interpretazione completa dei Comandamenti, e ci ha mandato il Suo Santo Spirito in modo che possiamo obbedire ad essi, non secondo la lettera della legge, facendo affidamento sulla nostra forza e comprensione, ma attraverso lo Spirito
Santo
che scrive i Comandamenti di YHVH nei nostri cuori. Lo Spirito Santo ci dà anche il potere di SHMA, di obbedire e osservare la Legge, nella libertà dello Spirito Santo! Siamo liberati dal peccato, che è l’assenza di legge, così che ora possiamo avere la Sua Legge dentro di noi (Yeshua è la Torà vivente!). Questo è l’opposto del Legalismo, che è cercare di osservare la Legge senza di Lui con uno sforzo personale.

Il capitolo tre di Ebrei ci apre il comandamento di osservare lo Shabbat in modo potente.

Perciò, come dice lo Spirito Santo: «Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori come nella provocazione, nel giorno della tentazione nel deserto, dove i vostri padri mi tentarono mettendomi alla prova, pur avendo visto per quarant’anni le mie opere. Perciò mi sdegnai con quella generazione e dissi: Errano sempre col cuore e non hanno conosciuto le mie vie; cosí giurai nella mia ira: Non entreranno nel mio riposo». Ebrei 3:7-11 LND

Quella generazione di israeliti non è stata in grado di entrare nello Shabbat, nel Suo riposo, perché si sono smarriti nel loro cuore e non hanno conosciuto le Sue vie; hanno indurito i loro cuori. Le Sue vie sono la Sua Torà – Torà significa istruzioni per la rettitudine. Quando Egli dà un comandamento, non dobbiamo solo ascoltarlo, ma Shma – ascoltare e obbedire, e obbedire immediatamente, come un soldato obbedisce al capitano o al generale, senza domande o ritardi.

The Healing Power of the Roots

Questo è stato difficile per me, essendo cresciuta credendo di essere libera dalla Legge. Quando ho letto per la prima volta il libro dell’arcivescovo Dominiquae Bierman Il Potere di Guarigione delle Radici (non disponibile in
italiano
)
dove dice che la Torà e i comandamenti sono ancora per noi oggi e che dobbiamo anche osservare lo Shabbat, ho messo via il libro, sconvolto. L’ultima cosa che volevo era la Legge, che per me era la stessa cosa del legalismo, che mi aveva tenuto in una schiavitù di colpa costante per tutta la mia infanzia. Non volevo nemmeno sentire la parola legge o comandamento.

Più tardi, lo stesso giorno, stavo guardando un programma televisivo di Joyce Meyer. Lei ha detto qualcosa del genere: “Se Dio dice No a qualcosa, dietro c’è sempre un Sì più grande”. In altre parole, se Lui nega qualcosa o dà l’ordine di non fare qualcosa, è per il mio bene, e la benedizione seguirà se obbedisco.

Questo mi ha riportato al libro Il Potere di Guarigione delle
Radici
, e l’ho preso proprio così: Quando ho letto che dobbiamo osservare lo Shabbat, ho cominciato a riposare il sabato anche se non capivo perché fosse così importante o non mi andava di farlo. Più tardi arrivai a vedere la benedizione che c’era dietro. Un passo di obbedienza all’epoca cominciò a guarirmi mentalmente dopo sette anni di esaurimento completo, ricovero in ospedale, e molti terapisti, consulenti e molti farmaci psichiatrici. In realtà, l’intero esaurimento è iniziato durante lo Shabbat: Ho avuto il mio primo feroce attacco di panico mentre lavoravo come assistente ai disabili durante lo Shabbat. Ho dovuto lasciare il mio lavoro quel giorno stesso. Senza riconoscerlo in quel momento, sono stato, infatti, costretto a smettere di lavorare durante lo Shabbat, in quanto sono diventato incapace di farlo. Poi, quando sette anni dopo ho imparato a conoscere lo Shabbat e ho cominciato a onorare il comandamento dello Shabbat, la guarigione ha cominciato a fluire e tutto il mio essere è stato restaurato. Ho trovato riposo per la mia anima.

State attenti, fratelli, che talora non vi sia in alcuno di voi un malvagio cuore incredulo, che si allontani dal Dio vivente, ma esortatevi a vicenda ogni giorno, finché si dice: Oggi perché nessuno di voi sia indurito per l’inganno del peccato. Noi infatti siamo divenuti partecipi del Messia, a condizione che riteniamo ferma fino alla fine la fiducia che avevamo al principio, mentre ci è detto: «Oggi, se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori come nella
provocazione».
Ebrei 3:12-15 LND

Convinzione originale significa convinzione originale – significa che il peccato è ancora quello che era all’inizio – l’illegalità. L’incredulità verso di Lui e i Suoi comandamenti ci porta a tutto il male. Supponiamo di non avere fiducia che i Suoi comandamenti siano per il nostro bene. In questo caso, siamo in ribellione, e finiamo per soffrire molti dolori e prendere medicine che non sarebbero necessarie se onorassimo i Suoi Comandamenti e ricevessimo le benedizioni dell’obbedienza.

“Chi furono infatti quelli che, avendola udita, lo provocarono? … E a chi giurò che non sarebbero entrati nel suo riposo, se non a quelli che furono disubbidienti? Or noi vediamo che non vi poterono entrare per l’incredulità. Ebrei 3:16-19 TLV

Se non ci fidiamo di Lui e di ciò che comanda e dice, non possiamo entrare nel Suo riposo. Se non ci fidiamo che Lui ci provvede mentre osserviamo il Suo Shabbat, fermando tutto il nostro lavoro, siamo nell’incredulità e non possiamo entrare nel Suo Riposo.

“Perciò, poiché rimane ancora una promessa di entrare nel suo riposo, abbiamo timore perché qualcuno di voi non ne resti escluso. Infatti a noi come pure a loro è stata annunziata la buona novella, ma la parola della predicazione non giovò loro nulla, non essendo stata congiunta alla fede in coloro che l’avevano udita.” Ebrei 4:1-2 LND

Enter into His rest

Le istruzioni della Sua Torà per la Rettitudine, il Suo Comandamento di osservare lo Shabbat, non possono aiutarci se non ascoltiamo con fede. Significa ascoltare e obbedire – separando lo Shabbat come Santo per Lui, diventando così unificati con il nostro Messia ebreo e il Suo popolo ebreo.

Noi infatti, che abbiamo creduto, entriamo nel riposo come egli disse: «Cosí giurai nella mia ira: Non entreranno nel mio riposo». E cosí disse, sebbene le sue opere fossero terminate fin dalla fondazione del mondo. In qualche luogo infatti, a proposito del settimo giorno, egli disse cosí: «E Dio si riposò nel settimo giorno da tutte le sue opere» Ebrei 4:3-4 LND

Elohim-Creatore stesso si è riposato da tutte le Sue opere il settimo giorno, e quel giorno non è mai cambiato. La domenica è un giorno di adorazione del sole che ha sostituito lo Shabbat quando il cristianesimo si è affermato come sistema religioso e si è separato dalle sue radici ebraiche originali. È ora di tornare alla convinzione originale e al Suo piano originale stabilito già nella creazione quando ha separato il settimo giorno come santo per Adorarlo.

“Resta dunque un riposo di sabato per il popolo di Dio. Chi infatti è entrato nel suo riposo, si è riposato anch’egli dalle proprie opere, come Dio dalle sue.” Ebrei 4:9-10 LND

Legalismo significa fare affidamento sulle proprie opere e sulla propria bontà per la salvezza. Lo Shabbat è uno dei modi migliori per liberarsi dal legalismo perché significa smettere di fare affidamento sulle proprie opere e sul proprio sforzo.

E, anche se sembra un paradosso, la Scrittura continua:

Diamoci da fare dunque per entrare in quel riposo, affinché nessuno cada seguendo lo stesso esempio di disubbidienza.” Ebrei 4:11 LND

Dobbiamo fare ogni sforzo per entrare in quel riposo – non per guadagnare quel riposo, ma per entrarci – che significa semplicemente FERMARSI e RIPOSARE nello Shabbat, confidando che Lui si prenda cura dei nostri affari quando ci concentriamo nell’adorazione di Lui.

Enter into His rest

“La parola di Dio infatti è vivente ed efficace, piú affilata di qualunque spada a due tagli e penetra fino alla divisione dell’anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla, ed è in grado di giudicare i pensieri e le intenzioni del cuore. E non vi è alcuna creatura nascosta davanti a lui, ma tutte le cose sono nude e scoperte agli occhi di colui al quale dobbiamo rendere conto.” Ebrei 4:12-13 LND

Dobbiamo dargli conto del nostro RIPOSO, non solo delle nostre OPERE. Quando il padre o la madre dice al suo bambino che è ora di andare a dormire, il bambino di solito non si
sente mai assonnato o vuole andare a dormire o fare un pisolino, ma quando il bambino si arrende (spesso dopo una bella battaglia), lui/lei è nel sonno in un millisecondo. Il Padre sa bene quando i Suoi figli hanno bisogno di riposo e di tempo da soli con Lui. E come tutti sappiamo, i bambini hanno bisogno di riposare regolarmente e di andare a letto all’ora stabilita; allo stesso modo il nostro Padre celeste ha stabilito un tempo
stabilito
, lo Shabbat, per i Suoi figli per riposare e fare comunione con Lui e tra loro.

“Resta dunque un riposo di sabato per il popolo di Dio.” Ebrei 4:9 LND

Diamoci da fare dunque per entrare in quel riposo, affinché nessuno cada seguendo lo stesso esempio di disubbidienza.” Ebrei 4:11 LND

Scegliete lo Shabbat e il Signore dello Shabbat!

Per l’arcivescovo Dominiquae e il rabbino Baruch Bierman,

Per la Sua Gloria,

Hadassah Danielsbacka

Per amore di Sion io non tacerò. Isaia 62:1 (LND)

Archbishop Dominiquae Bierman and Rabbi Baruch Bierman

Per inviare le vostre decime e offerte:

Testo originale: Inglese
Tradotto da deepL.com