Non-Negotiables #5 – My Land

I Non-Negoziabili #5 – La Mia Terra


Non-Negotiables #5 – My Land
Porzione della Torà PINCHAS – Bamidbar (Numeri) 25:10-30:1

“Ogni carne stia in silenzio davanti all’Eterno, perché egli si è destato dalla sua santa dimora.” Zaccaria 2:13 (LND)

Shabbat shalom, amati!

Questa è la continuazione della settimana scorsa, anche se l’introduzione rimane invariata.

Mentre mi stavo preparando per la nostra conferenza globale online dell’UNIFY e lo cercavo per la Sua parola per l’incontro, il Ruach (Spirito) mi ha detto “Non-Negoziabili”. Questa era una “parola rhema” – una parola profetica sulla Sua volontà per questa nuova stagione del Terzo Giorno del Risveglio, che ha portato al Risveglio del Terzo Giorno che mi ha detto di liberare dal Giorno di Shavuot il 31 maggio 2020\5780.

L’Onnipotente lavora a tappe. Egli invia la Sua Luce della Rivelazione per dissipare gli inganni, i miti e le tenebre, ma se la gente non ascolta, inizia ad avvertire, e alla fine dice: “Basta così, niente più compromessi! I profeti sono uomini o donne che permettono a YHVH di parlare attraverso di loro. Mi considero un “oratore” che trasmette semplicemente la voce, il suono o la musica della Fonte. Proprio come l’altoparlante di un sistema PA non ha alcun suono di per sé, così il vero ministero profetico non ha alcun suono o parola di per sé. Le parole di un profeta di Yah (Dio) devono nascere con Lui. E proprio come un altoparlante di una radio o di una TV non può scegliere la musica, il discorso o il suono che viene trasmesso attraverso di essa, un profeta non dovrebbe censurare lo Spirito Santo.

Ogni parola di Dio è raffinata col fuoco. Egli è uno scudo per chi si rifugia in lui. Non aggiungere nulla alle sue parole, perché non ti riprenda e tu sia trovato bugiardo. Proverbi 30:5-6 (LND)

I veri Profeti e i Vascelli Profetici devono morire a se stessi e alle proprie opinioni per trasmettere un altro e non se stessi. L’ho fatto per gli ultimi 30 anni del mio ministero. Mi sono sforzato di parlare, cantare, pregare e trasmettere ciò che sento dire da Lui. A volte alla gente non piace quello che dico, e a volte lo amano, ma questo non è niente per me, che alla gente piaccia o no. Mi preoccupo di compiacere solo Uno e cerco di essere il più preciso possibile nel ripetere ciò che sento da Lui, e lo sostengo con molte scritture e comprensione storica. A volte comincio a scrivere o a parlare, e la Sua parola mi esce fuori. Mi ha detto la parola chiave “Non-negoziabili”, e poi ha proceduto a darmi la lista dei Cinque Punti qui sotto.

  1. IL MIO NOME
  2. I MIEI MOADIM
  3. MIA TORA
  4. IL MIO ISRAELE
  5. LA MIA TERRA

Questi cinque sono argomenti sui quali Egli non accetta alcuna trattativa e nessun compromesso. Egli è propenso a ripristinare tutto questo e non accetterà alcuna argomentazione politicamente corretta al riguardo. Il tempo è scaduto ed Egli si aspetta che il Suo Popolo si conformi alla Sua Volontà Divina. Questo non ha niente a che vedere con i suoi sentimenti o con i miei sentimenti. Non ha nulla a che fare con la convenienza; ha tutto a che fare con la Sua Divina Volontà di restaurare tutte le cose. Egli è impegnato nella Sua Parola.

Ma Dio ha cosí adempiuto le cose che egli aveva predetto per bocca di tutti i suoi profeti, e cioè, che il suo Cristo avrebbe sofferto. Ravvedetevi dunque e convertitevi, affinché i vostri peccati siano cancellati, e perché vengano dei tempi di refrigerio dalla presenza del Signore, ed egli mandi Yeshua il Messia che è stato predicato prima a voi, che il cielo deve ritenere fino ai tempi della restaurazione di tutte le cose, dei quali Dio ha parlato per bocca di tutti i suoi santi profeti fin dal principio del mondo. Atti 3:18-21 (LND)

Non-Negotiables #5 – My Land

La Mia Terra

Le terre non si venderanno per sempre, perché la terra è mia; poiché voi siete forestieri e affittuari con me. Levitico 25:23 (LND)

Il Coronavirus segue lo stesso schema che il corrispondente della Casa Bianca William Koenig descrive nel suo libro Eye to Eye, dove mostra 127 eventi di politica anti-Biblica contro Israele, sposando la divisione della Terra, la soluzione dei due Stati e la definizione dei confini da parte dei presidenti statunitensi. In ognuno di questi casi, entro 24 ore, negli Stati Uniti si verificherebbe una terribile catastrofe o una tempesta che costerebbe miliardi di dollari di danni e danni anche alla vita. Alcuni di questi sono eventi ben noti come il 9/11 e l’uragano Katerina, entrambi dopo che gli Stati Uniti si sono impegnati a sostenere la causa palestinese dividendo Israele o sradicando gli insediamenti israeliani (come nel caso di Gush Katif a Gaza).

Nel giro di 24 ore, i disastri avrebbero colpito gli Stati Uniti.

In un talk show condotto dal pastore Sam Rohrer di Stand in the Gap Today, Bill Koenig è stato ospite della vigilia di Pasqua, l’8 aprile 2020. Ha menzionato quanto segue:

Il 28 gennaio 2020 il presidente Donald Trump ha presentato il Piano per il Medio Oriente che ha definito “l’affare del secolo”. Ha anche presentato una mappa, definendo i confini di Israele secondo il suo piano. In questa mappa, il 70% della Terra biblica della Giudea e della Samaria sarebbe sotto uno Stato palestinese.

Within hours of him presenting his peace plan to divide Israel, Miami was hit with a 7.7 earthquake on the Richter scale.

28 gennaio 2020, 4:04 PM EST / Aggiornato 28 gennaio 2020, 8:15 PM EST

Da Janelle Griffith nbcnews.com

Un potente terremoto di magnitudo 7,7 ha colpito martedì a sud di Cuba e a nord-ovest della Giamaica, il Servizio Geologico degli Stati Uniti ha detto. Il terremoto è stato avvertito a Miami, e la polizia ha detto che alcuni edifici sono stati evacuati in città.

Nel giro di 24 ore, l’amministrazione statunitense stava discutendo cosa fare riguardo alla pandemia di Coronavirus che si stava sviluppando da quando fu scoperta a Wuhan il 31 dicembre 2019. Il 30 gennaio, l’epidemia è stata dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale; questo è stato solo due giorni dopo la presentazione del piano di pace per dividere Israele, il 28 gennaio 2020, ed è stato accettato dal premier Benjamin Netanyahu.

Allo stesso tempo, l’UE e la comunità internazionale hanno ribadito la loro fedeltà alla divisione della Terra di Israele. They insisted on Israel returning to the pre-1967 borders prior to the Six Day War. The International Community was insisting on defining the borders of the Promised Land that the God of Israel already defined thousands of years ago.

La pandemia COVID-19 è diventata un giudizio per il mondo intero, mettendo in quarantena la maggior parte della popolazione mondiale e influenzando l’economia di tutti – specialmente degli Stati Uniti e di Israele, poiché il premier Netanyahu ha accettato un piano che non è il Piano di Dio per Israele.

Bill Koenig crede (e lo credo anch’io) che il Coronavirus sia un giudizio sul mondo intero per due motivi:

  1. Per aver tentato di dividere la Terra di Israele in due Stati definendo confini anti-Biblici e disegnando mappe che sono un affronto al Dio Vivente.
  2. Disobbedendo alle leggi e ai comandamenti morali di Dio.

È molto probabile che ogni ulteriore tentativo di portare qualsiasi tipo di piano di pace, dividendo Israele e istituendo uno Stato palestinese contrario all’Alleanza, catapulterà il mondo in ciò che la Bibbia chiama l’ira di Dio. COVID-19 avrà allora l’aspetto di una gatta da pelare.

Non-Negotiables #5 – My Land

Il nome di Yah abita nella Terra di Israele

Ma se tornerete a me e osserverete i miei comandamenti e li metterete in pratica, anche se i vostri dispersi fossero ai confini del cielo, io di là li raccoglierò e li ricondurrò al luogo che ho scelto per farvi abitare il mio nome”. Neemia 1:9 (LND)

Ma ho scelto Gerusalemme perché il mio nome vi dimori, e ho scelto Davide perché regnasse sul mio popolo d’Israele”. 2 Cronache 6:6 (LND)

Perché ora ho scelto e santificato questo tempio, affinché il mio nome vi rimanga per sempre; i miei occhi e il mio cuore saranno sempre lì. 2 Cronache 7:16 (LND)

Israele è una Terra Promessa dell’Alleanza ad Abramo, Isacco e Giacobbe e ai loro discendenti naturali

Ora come il sole si fu coricato e scesero le tenebre, ecco una fornace fumante ed una torcia di fuoco passare in mezzo agli animali divisi. In quel giorno l’Eterno fece un patto con Abramo dicendo: «Io do alla tua discendenza questo paese, dal torrente d’Egitto al grande fiume, il fiume Eufrate: i Kenei i Kenizei, i Kadmonei, gli Hittei, i Perezei, i Refei, gli Amorei, i Cananei, i Ghirgasei e i Gebusei». Genesi 15:17-21 (LND)

Soggiorna in questo paese e io sarò con te e ti benedirò, perché io darò a te e alla tua discendenza tutti questi paesi, e manterrò il giuramento che feci ad Abrahamo tuo padre, Genesi 26:3 (LND)

Ho pure stabilito con loro il mio patto, promettendo di dar loro il paese di Canaan, il paese dove soggiornarono come stranieri. Esodo 6:4 (LND)

I confini della Terra sono tra il fiume Nilo in Egitto e il fiume Eufrate in Iraq

E fisserò i tuoi confini dal Mar Rosso al mare dei Filistei e dal deserto fino al Fiume; poiché io darò nelle tue mani gli abitanti del paese e tu li scaccerai davanti a te. Esodo 23:31 (LND)

l tuo territorio si estenderà dal deserto e da questo Libano fino al grande fiume, il fiume Eufrate, tutto il paese degli Hittei fino al Mar Grande, a ovest. Giosuè 1:4 (LND)

Cosí Salomone dominava su tutti i regni dal Fiume fino al paese dei Filistei e ai confini dell’Egitto. Essi gli portavano tributi e lo servirono tutti i giorni della sua vita. 1 Re 4:21 (LND)

Cosí egli dominava su tutti i re dal Fiume, fino al paese dei Filistei e fino al confine d’Egitto. 2 Cronache 9:26 (LND)

La Terra di Israele o Gerusalemme non è menzionata una sola volta nel Corano, e certamente non come terra di promessa per il popolo arabo. Il popolo di Israele ha una storia di oltre 4000 anni con la Terra di Yah, mentre gli arabi hanno una storia dal VII secolo in poi, che è al massimo di 1300 anni. Ma sempre attraverso la conquista e l’abuso della Terra. Non l’hanno mai lavorata, lavorata o fatta fiorire, questo succede solo quando gli ebrei tornano a fondare la Terra dopo 2000 anni di esilio a seguito di numerose promesse bibliche.

Non-Negotiables #5 – My Land

Israele ritornerebbe nella sua terra promessa contro ogni previsione

«Tu figlio d’uomo, profetizza ai monti d’Israele e di’ O monti d’Israele, ascoltate la parola dell’Eterno. Cosí dice il Signore, l’Eterno: Poiché il nemico ha detto di voi: ah, ah! I colli eterni sono divenuti nostro possesso profetizza e di’: Cosí dice il Signore, l’Eterno: Si, poiché hanno voluto devastarvi e inghiottirvi da ogni lato per farvi diventare possesso del resto delle nazioni e perché siete stati oggetto dei discorsi delle male lingue e delle calunnie della gente», perciò, o monti d’Israele, ascoltate la parola del Signore, dell’Eterno. Cosí dice il Signore, l’Eterno, ai monti e ai colli ai burroni e alle valli, ai luoghi devastati e desolati e alle città abbandonate che sono divenute preda e oggetto di disprezzo del resto delle nazioni d’intorno. Perciò cosí dice il Signore, l’Eterno: «Sí nel fuoco della mia gelosia io parlo contro il resto delle nazioni e contro tutto Edom che hanno fatto del mio paese il loro possesso con tutta la gioia del cuore e disprezzo dell’anima, per cacciarlo come preda. Perciò profetizza alla terra d’Israele e di’ ai monti e ai colli, ai burroni e alle valli: Cosí dice il Signore, l’Eterno: Ecco, io ho parlato nella mia gelosia e nel mio furore, perché voi avete portato il vituperio delle nazioni», perciò cosí dice il Signore, l’Eterno: «Io ho alzato la mano in giuramento: le nazioni che mi circondano porteranno anch’esse il loro vituperio. Ma voi o monti d’Israele, metterete i vostri rami e porterete i vostri frutti per il mio popolo d’Israele; sí, esso sta per tornare. Poiché ecco, io sono per voi, mi volgerò verso di voi e sarete coltivati e seminati. Farò moltiplicare su di voi gli uomini, tutta la casa d’Israele, le città saranno abitate e le rovine ricostruite. Farò moltiplicare su di voi uomini e bestie; moltiplicheranno e saranno fecondi. Vi farò abitare come nei tempi passati e vi farò del bene piú che ai vostri inizi; allora riconoscerete che io sono l’Eterno, sí, farò camminare su di voi degli uomini, il mio popolo d’Israele, essi vi possederanno e voi sarete la loro eredità e non li priverete piú dei loro figli». Ezechiele 36:1-12 (LND)

Il giudizio e la distruzione cadono su ogni nazione che si oppone al suo patto di terra con il popolo ebraico

Tutti i nemici di Israele saranno distrutti a meno che non desistano dalla soluzione dei due Stati. Non è biblico; è un’invenzione degli uomini e non avrà mai successo. L’unica speranza per i cosiddetti palestinesi è di abbandonare il loro malvagio programma di distruggere il popolo e la Terra di Israele e di umiliare i loro cuori per onorare e benedire Israele e per adorare il Dio di Israele. La Palestina non esiste nella Bibbia, ma i filistei esistono.

Cosí dice l’Eterno contro tutti i miei malvagi vicini, che toccano l’eredità che ho dato in possesso al mio popolo Israele: «Ecco, li sradicherò dal loro paese e sradicherò la casa di Giuda di mezzo a loro. Ma avverrà che, dopo averli sradicati, ritornerò ad aver compassione di loro e li ricondurrò a ciascuno nella sua eredità, ciascuno nel suo paese. E avverrà che se impareranno accuratamente le vie del mio popolo e a giurare per il mio nome, dicendo: “L’Eterno vive”, come hanno insegnato al mio popolo a giurare per Baal, saranno saldamente stabiliti in mezzo al mio popolo, ma se non ascolteranno, io sradicherò interamente quella nazione e la distruggerò», dice l’Eterno. Geremia 12:14-17 (LND)

Egli si ricorda in eterno del suo patto e per mille generazioni della parola da lui comandata, del patto che fece con Abrahamo e del suo giuramento che fece a Isacco, che confermò a Giacobbe come suo statuto e a Israele come un patto eterno, dicendo: «ti darò il paese di Canaan come porzione della vostra eredità», quando non erano che un piccolo numero, pochissimi e stranieri nel paese, e andavano da una nazione all’altra, da un regno a un altro popolo. Egli non permise che alcuno li opprimesse; anzi puní dei re per amor loro, e disse: «Non toccate i miei unti e non fate alcun male ai miei profeti». Salmi 105:8-15 (LND)

«Poiché ecco, in quei giorni e in quel tempo, quando farò ritornare dalla cattività quei di Giuda e di Gerusalemme, radunerò tutte le nazioni e le farò scendere nella valle di Giosafat, e là eseguirò il mio giudizio su di loro, per Israele, mio popolo e mia eredità, che hanno disperso fra le nazioni, dividendosi quindi il mio paese. Hanno gettato la sorte sul mio popolo, hanno dato un fanciullo in cambio di una prostituta e hanno venduto una fanciulla in cambio di vino, perché potessero bere. Gioele 3:1-3 (LND)

Avvicinatevi, o nazioni, per ascoltare, o popoli, fate attenzione. Ascolti la terra e tutto ciò che è in essa, il mondo e tutto ciò che produce. Poiché l’Eterno è adirato contro tutte le nazioni, è sdegnato contro tutti i loro eserciti, egli le vota allo sterminio, le abbandona al massacro. I loro uccisi saranno gettati via, i loro cadaveri esaleranno fetore e i monti si scioglieranno col loro sangue. Tutto l’esercito del cielo si dissolverà, i cieli si arrotoleranno come un libro, ma tutto il loro esercito cadrà, come cade la foglia dalla vite, come cade un frutto appassito dal fico. Poiché la mia spada si è inebriata nel cielo, ecco essa sta per piombare su Edom, sul popolo che ho votato allo sterminio, per fare giustizia. La spada dell’Eterno è piena di sangue, è satolla di grasso, del sangue di agnelli e di capri, del grasso dei reni di montoni; poiché l’Eterno fa un sacrificio a Botsrah e un grande massacro nel paese di Edom. Con essi cadono bufali, torelli insieme con tori; la loro terra è imbevuta di sangue, la loro polvere è satolla di grasso. Poiché è il giorno della vendetta dell’Eterno, l’anno della retribuzione per la causa di Sion. Isaia 34:1-8 (LND)

Non-Negotiables #5 – My Land

L’Eterno ruggirà da Sion e farà sentire la sua voce da Gerusalemme, tanto che i cieli e la terra tremeranno. Ma l’Eterno sarà un rifugio per il suo popolo e una fortezza per i figli d’Israele. «Allora voi riconoscerete che io sono l’Eterno, il vostro DIO, che dimora in Sion, mio monte santo. Cosí Gerusalemme sarà santa e gli stranieri non vi passeranno piú». In quel giorno avverrà che i monti stilleranno mosto, il latte scorrerà dai colli e l’acqua scorrerà in tutti i ruscelli di Giuda. Dalla casa dell’Eterno sgorgherà una fonte, che irrigherà la valle di Scittim. «L’Egitto diventerà una desolazione e Edom un deserto desolato per la violenza contro i figli di Giuda, perché hanno versato sangue innocente nel loro paese. Ma Giuda rimarrà per sempre, e Gerusalemme di generazione in generazione. Li purificherò dal loro sangue versato, di cui non li avevo purificati, e l’Eterno dimorerà in Sion». Gioele 3:16-21 (LND)

Poiché cosí dice l’Eterno degli eserciti: «La sua gloria mi ha mandato alle nazioni che vi hanno depredato, perché chi tocca voi tocca la pupilla del suo occhio. Ecco, io agiterò la mia mano contro di loro, ed esse diventeranno preda di quelli che erano loro asserviti; allora riconoscerete che l’Eterno degli eserciti mi ha mandato. Manda grida di gioia, rallegrati, o figlia di Sion, perché ecco io verrò ad abitare in mezzo a te», dice l’Eterno. «In quel giorno molte nazioni si uniranno all’Eterno e diventeranno mio popolo, e io abiterò in mezzo a te; allora riconoscerai che l’Eterno degli eserciti mi ha mandato a te. E l’Eterno prenderà possesso di Giuda come sua eredità nella terra santa e sceglierà ancora Gerusalemme. Ogni carne stia in silenzio davanti all’Eterno, perché egli si è destato dalla sua santa dimora». Zaccaria 2:8-13 (LND)

L’ira di YHVH che già a partire da un giudizio onnicomprensivo attraverso il globalismo e le pandemie di pestilenze. Le uniche nazioni che saranno salvate da essa, sono le nazioni che si uniscono a Lui nella Sua ricerca di restituire tutto Israele a tutta la Terra che Egli ha promesso dal Nilo in Egitto all’Eufrate in Iraq, nient’altro farà e NON si possono fare affari con la Sua Terra. Qualsiasi accordo che includa uno Stato palestinese o la cessione di terre o il sostegno finanziario alla causa palestinese finirà in giudizio proprio come l’Accordo del secolo.

La sua Terra è NON NEGOTTABILE!

Poiché Egli benedirà coloro che benediranno Israele e coloro che la malediranno e la prenderanno alla leggera o desidereranno la sua terra saranno maledetti e completamente annientati, la Bocca di YHVH ha parlato. (Genesi 12:3)

L’Arcivescovo Dr. Dominiquae e il Rabbino Baruch Bierman

Per amore di Sion io non tacerò. Isaia 62:1 (LND)

Archbishop Dominiquae and Rabbi Baruch Bierman

Per inviare le vostre decime e le vostre offerte.

– Dona online: https://kad-esh.org/donations/
– Inviaci un’e-mail a kad_esh_map@msn.com per le coordinate bancarie

Testo originale: Inglese
Tradotto da deepL.com