Removing the Leaven of Unbelief

Rimuovere il Lievito dell’Incredulità


Removing the Leaven of Unbelief
Porzione dalla Torà PANE AZZIMO – Shemot (Esodo) 12:15-20, 33, 34; Vayikra (Levitico) 23:6-8; Devarim (Deuteronomio) 16:3-4, 8, 16-17.

Preparazione per la Pasqua Ebraica

“Non si vedrà lievito presso di te, entro tutti i tuoi confini, per sette giorni; e non rimarrà nulla della carne che hai immolato la sera del primo giorno per tutta la notte fino al mattino.” Deuteronomio 16:4

Shabbat shalom, carissimi, e Buona Pasqua!

L’altro giorno stavo parlando con mia sorella ortodossa dei preparativi per la Pasqua Ebraica. Gli ebrei ortodossi prendono questi preparativi molto seriamente! In realtà è un periodo estenuante di pulizia e di rimozione di tutte le tracce di “lievito”. Il lievito è ciò che fa lievitare la farina, ed è un “organismo vivo” al contrario degli “agenti lievitanti” come il lievito in polvere che sono chimici e morti. Il lievito può continuare a moltiplicarsi senza limiti. Nella Nuova Alleanza, il “lievito” è paragonato sia al peccato che a un agente neutro che causa la crescita e l’espansione del Regno. Quindi, dipende da cosa fa il lievito – proprio come il denaro, è neutro, e se usato per gli scopi del Regno, è effettivamente buono!

Connotazione negativa

“Sono tutti degli adulteri, come un forno riscaldato dal fornaio, che cessa di attizzare il fuoco dopo aver impastato la farina finché sia lievitata.” Osea 7:4

“E Yeshua disse loro: «State attenti e guardatevi dal lievito dei farisei e dei sadducei!». Matteo 16:6

Connotazione positiva

“Egli disse loro un’altra parabola: «Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prende ed impasta con tre misure di farina finché tutta la pasta sia lievitata». Matteo 13:33

Il peccato dell’obbedienza ritardata

“fecero cuocere la pasta che avevano portata dall’Egitto, facendone delle focacce azzime; la pasta infatti non era lievitata, perché essi furono cacciati dall’Egitto e non poterono attardarsi, né poterono prepararsi provviste per il viaggio.” Esodo 12:39

Nella storia della Pasqua Ebraica, il “lievito” rappresenta il peccato di “obbedienza ritardata”. I figli d’Israele non avevano il tempo di aspettare che la pasta lievitasse o che lievitasse per cuocere il pane per il viaggio. Dovevano obbedire prontamente e fuggire dall’Egitto in fretta!

Così, mangiare la Matsa, il Pane Azzimo, a Pessach è per ricordarci la loro rapida obbedienza. Un’obbedienza ritardata avrebbe fatto lievitare l’impasto e il popolo d’Israele sarebbe stato ancora oggi schiavo in Egitto! L’obbedienza ritardata deriva dall’incredulità. Quando non crediamo nella Sua Parola rivelata e nelle Sue promesse, temporeggiamo. Temporeggiare è costato alla moglie di Lot la sua vita perché ha guardato indietro.

Ogni volta che ritardiamo l’obbedienza, guarderemo indietro; ci sarà un desiderio per i versi familiari che ci aspettano mentre andiamo avanti. Questo, naturalmente, porterà schiavitù e morte. YHVH ci sta chiamando all’Obbedienza pronta, alla Fede azzimata.

Specialmente quando si tratta del Messaggio del Tempo Finale di Pentimento, Teshuva da ogni peccato, inclusa la Teologia della Sostituzione e il sistema religioso pagano, molte persone tendono a temporeggiare. Cominciano a guardare indietro ai loro alberi di Natale, ai ricordi di Natale, alle celebrazioni di Pasqua, alle “prelibatezze” di maiale, all’accettazione della loro chiesa di origine e degli altri cristiani. Prima di rendersene conto, la loro “pasta” è lievitata. Non possono andare avanti e muoiono spiritualmente e a volte fisicamente perché non hanno obbedito prontamente al messaggio di pentimento della rivoluzione MAP. Questo Messaggio è una Parola Profetica per l’intero Corpo di Yeshua, e riceverlo è una questione di vita o di morte. YHVH sta purificando e riprendendo la Sua Sposa dalla Teologia della Sostituzione e da tutto il sistema babilonese con la lussuria della carne, la lussuria degli occhi e l’orgoglio della vita.

Removing the Leaven of Unbelief

Non c’è condanna per chi?

“perché la legge dello Spirito della vita nel Messia Yeshua mi ha liberato dalla legge del peccato e della morte.” Romani 8:2

Molte persone dicono: “Non mettermi sotto condanna””. Amati, non c’è condanna per coloro che camminano nello Spirito; ciò significa guidati dallo Spirito Santo che ha scritto la Torà, dal Dito di Elohim! Ma c’è una condanna per coloro che camminano nella loro mente e comprensione carnale. Se camminiamo nello Spirito, verremo tutti a pentirci da tutto ciò che è una menzogna, e la Teologia della Sostituzione è una menzogna.

“Infatti la mente controllata dalla carne produce morte, ma la mente controllata dallo Spirito produce vita e pace. Per questo la mente controllata dalla carne è inimicizia contro Dio, perché non è sottomessa alla legge di Dio e neppure può esserlo. Romani 8:6-7

Lo Spirito Santo è il nostro aiutante. Ci aiuta ad obbedire a YHVH prontamente e senza ritardi. Quando siamo nella carne, infrangiamo i Suoi Comandamenti. Non siamo salvati dall’obbedienza; l’obbedienza è un risultato della FEDE. La vera fede sarà seguita da una pronta obbedienza. Ecco perché la più alta forma di lievito (peccato) è l’incredulità. L’incredulità in YHVH, nella Sua Parola, nel Suo potere, nel Suo carattere e nelle Sue promesse è una fede in qualcos’altro. Non viviamo nel vuoto! Se non ci fidiamo di Lui, di chi o cosa ci fidiamo?

Qui non stiamo parlando di un “cammino legalistico”, ma di un cammino basato sullo Spirito Santo e rafforzato dalla fede che cerca di obbedire prontamente a Yah, sia che si tratti di osservare il Suo Shabbat, le Sue leggi alimentari, di dare le decime e le offerte, di pregare per Israele, di ministrare la guarigione e la liberazione, o di mantenersi puri prima del matrimonio. Tutte queste cose Yeshua le ha fatte come un perfetto ebreo (non un ebreo religioso!), e sta chiamando sia ebrei che gentili a seguire il Suo esempio.

“Chi dice di dimorare in lui, deve camminare anch’egli come camminò lui.” 1 Giovanni 2:6

Si è fidato totalmente del Padre e ha eseguito e pronunciato la Sua Parola su tutte le circostanze, anche quando satana Lo ha tentato a peccare nel deserto.

The Healing Power of the Roots

Il Potere Guaritore delle Radici

“Ravvedetevi dunque e convertitevi, affinché i vostri peccati siano cancellati, e perché vengano dei tempi di refrigerio dalla presenza del Signore, ed egli mandi Yeshua il Messia che è stato predicato prima a voi, che il cielo deve ritenere fino ai tempi della restaurazione di tutte le cose, dei quali Dio ha parlato per bocca di tutti i suoi santi profeti fin dal principio del mondo.” Atti:3-19-21

Prima di scrivere il mio libro ormai classico, Il Potere Guaritore delle Radici, avevo tenuto il primo seminario “Ritorno alle Radici” in Svizzera. Ci fu così tanta gloria riversata e così tanti miracoli che, tornando a casa in Israele, feci una domanda a YHVH: “Cosa c’è di così importante nel predicare le radici ebraiche alla Chiesa?” La sua risposta fu chiara: “È una questione di vita o di morte. La Chiesa è come una bella rosa, tagliata dal suo giardino, messa in un vaso con acqua per due giorni. Ma il terzo giorno, se non sarà ripiantata, morirà sicuramente. Il terzo giorno è il terzo millennio come un giorno è come mille anni per Adonai!

“Ora, carissimi, non dimenticate quest’unica cosa: che per il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni come un giorno.” 2 Pietro 3:8

Da quando ho ricevuto questa parola, ho scritto molti altri libri, e per la grazia di Yah, ho creato un’intera video Scuola Biblica chiamata GRM Scuola Biblica, che ora è studiata in molte nazioni in diverse lingue. Il tempo è in ritardo, e YHVH sta chiamando tutta la Chiesa a lasciare prontamente l’Egitto/Babilonia della Teologia della Sostituzione. Le nostre risorse possono aiutarvi a farlo alla velocità della luce! Ma molti stanno “temporeggiando” e aspettando qualche “momento favorevole”. Questo è un tempo favorevole e non ce ne saranno altri! Ho ricevuto questa Parola profetica nel 1994, e Yah sta accelerando tutto; non c’è tempo da perdere.

“Tu ti leverai e avrai compassione di Sion, perché è tempo di usarle misericordia; e il tempo fissato è giunto.” Salmi 102:13

C’è bisogno di lavoratori

Voi infatti non avete ricevuto uno spirito di schiavitú per cadere nuovamente nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito di adozione per il quale gridiamo: «Abba, Padre» Romani 8:15

Rimuovere il lievito dell’incredulità è obbligatorio mentre ci prepariamo per la Pasqua Ebraica di quest’anno. Questo influenza il nostro cammino con Yah. Yeshua ha detto 2000 anni fa che il raccolto è abbondante, ma gli operai sono pochi? Perché sono pochi a causa dell’incredulità che include la paura. Alcune delle paure più comuni sono: paura dell’ignoto, paura degli uomini, paura della sofferenza e paura di sbagliare. Ma la paura e l’incredulità sono pessimi guidatori, e ci uccidono! Camminare nella paura è l’opposto di camminare nell’amore.

“E diceva loro: «La mèsse è grande, ma gli operai sono pochi; pregate dunque il Signore della mèsse che spinga degli operai nella sua mèsse.” Luca 10:2

YHVH sta chiamando molti a dare la vita per gli scopi del Regno, e per rispondere, dobbiamo liberarci del lievito della paura e dell’incredulità.

“Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi avrà perduto la propria vita per amor mio, la ritroverà.” Matteo 16:25

Removing the Leaven of Unbelief

Il lievito si manifesta nei nostri pensieri e nelle nostre parole

“Perche in verità vi dico che se alcuno dirà a questo monte: “Spostati e gettati nel mare” e non dubiterà in cuor suo ma crederà che quanto dice avverrà qualunque cosa dirà, gli sarà concesso.” Marco 11:23

La mente naturale è in inimicizia con Elohim. Dobbiamo avere la Mente del Messia e relazionarci con le Promesse di YHVH come un “affare fatto”. Iniziare a chiamare le cose che non sono come se lo fossero e smettere di rapportarsi alle circostanze della vita come realtà ultima. Il re Davide, che non era nato di nuovo, capì questo principio. Riconosceva le difficoltà, ma finiva sempre con una nota di speranza e di fede. Confidava nella sua Alleanza con YHVH al di là dei suoi errori e delle sue debolezze e al di là delle sue circostanze. Ha comandato alla sua anima, alla sua mente, alla sua volontà e alle sue emozioni di benedire YHVH!

«Salmo di Davide.» Benedici, anima mia, l’Eterno, e tutto quello che è in me benedica il suo santo nome. Benedici, anima mia, l’Eterno e non dimenticare alcuno dei suoi benefici.” Salmi 103:1-2

In verità, senza fede, non possiamo compiacere l’Onnipotente. Anche se fai del tuo meglio per obbedire con le tue forze, se non metti la tua fiducia nella Sua forza e nelle Sue promesse, sei “lievitato” e sarai in inimicizia con Elohim.

“Ora senza fede è impossibile piacergli, perché chi si accosta a Dio deve credere che egli è, e che egli è il rimuneratore di quelli che lo cercano.” Ebrei 11:6

È importante dichiarare la Sua Parola e le Sue Promesse costantemente con le proprie labbra. Finché non lo fate, non sarete in grado di attivare la vita in esse. Avrai tutto quello che dici!

“Morte e vita sono in potere della lingua; quelli che l’amano ne mangeranno i frutti.” Proverbi 18:21

Infatti, Egli è in grado di fare molto di più di quello che pensiamo o chiediamo, ma noi dobbiamo pensare e dobbiamo chiedere. È importante meditare la Sua Parola della Torà e le Sue Promesse se vogliamo che si verifichino risultati miracolosi.

“Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo.” Efesini 3:20

Circostanze o promesse?

“Custodisci il tuo cuore con ogni cura, perché da esso sgorgano le sorgenti della vita. Rimuovi da te il parlare fraudolento e allontana da te le labbra perverse. I tuoi occhi guardino diritto e le tue palpebre mirino diritto davanti a te.” Proverbi 4:23-25

Ogni volta che diciamo la nostra interpretazione delle nostre circostanze piuttosto che la Parola dell’Alleanza di Promessa di Yah, è una bocca e un discorso subdolo e ingannevole.

Sono stupito di quanti veri servitori di Yah parlano dell’incredulità e del dubbio come una norma. Signore, abbi pietà e perdonaci! Infatti, molti continuano a parlare di circostanze su promesse pensando di essere “onesti”. Ebbene, essi hanno “onestamente torto”, perché se parliamo di circostanze come realtà ultima, stiamo chiamando YHVH un bugiardo, e questo è ciò che il serpente Lo chiamò nel giardino dell’Eden. La psicologia si basa sul “parlare di ciò che è nel tuo cuore a qualcun altro”. Il serpente parlò ciò che aveva nel cuore e portò la donna al peccato. Questo è il peccato originale; è qui che ci siamo persi.

“Allora il serpente disse alla donna: «voi non morrete affatto; ma DIO sa che nel giorno che ne mangerete, gli occhi vostri si apriranno e sarete come DIO, conoscendo il bene e il male». Genesi 3:4-5

Come interpreti le tue circostanze avverse? Le guardi attraverso la Parola di Yah (Dio) o la tua propria comprensione? La donna credette all’interpretazione del serpente del Comandamento di Elohim e cadde nel peccato. Ogni volta che crediamo alle interpretazioni umanistiche e demoniache delle circostanze della nostra vita, cadiamo nel peccato di dubitare dell’Amore e della fedeltà di Elohim.

“Voi siete dal diavolo, che è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro; egli fu omicida fin dal principio e non è rimasto fermo nella verità, perché in lui non c’è verità. Quando dice il falso, parla del suo perché è bugiardo e padre della menzogna. Giovanni 8:44

Tutto questo sistema umanistico, con le sue “interpretazioni psicologiche”, è basato sull’incredulità e sulla menzogna.

Il re Davide riconobbe le sue difficoltà a YHVH e poi andò avanti per esaltarlo e lodarlo. Non negò che stava attraversando un periodo difficile, ma enfatizzò le promesse e le capacità dell’Alleanza di Elohim – non le sue circostanze avverse.

«Salmo di Davide quando fuggí davanti ad Absalom, suo figlio» O Eterno, quanto numerosi sono i miei nemici! Molti si levano contro di me. Molti dicono di me: «Non vi è salvezza per lui presso DIO». (Sela) Ma tu, o Eterno, sei uno scudo attorno a me, tu sei la mia gloria e colui che mi solleva il capo.” Salmi 3:1-3

Removing the Leaven of Unbelief

Che cosa stai parlando?

Se avessi parlato di circostanze invece di promesse, avrei avuto un “vegetale” per figlia, un fallimento di un ministero, niente soldi, quindi niente viaggi e niente stampa di libri o creazione di scuole biblica. Sarei rimasta handicappata a vita dopo tante cadute! Mio marito sarebbe stato seduto su una sedia a rotelle dopo un terribile incidente con dischi rotti o morto dopo due attacchi di cuore. Avrei rinunciato del tutto alla mia chiamata come Donna al comando perché è troppo difficile e inaccettabile in molti ambienti religiosi. Avrei molto altro da dire su questo, ma basta dire questo.

Poiché mi sono fidato, ho dichiarato e obbedito alla Sua Parola e alle Sue promesse su tutte le mie circostanze avverse, sono ancora nel ministero e prospero; mia figlia ha un grande successo nei suoi studi e presto inizierà il suo master in istruzione, e i suoi amici la chiamano “il ministro dell’istruzione” perché è così brillante e ispirata da Elohim in tutto ciò che fa. Mio figlio è stato salvato negli ultimi momenti della sua vita. Mio marito è sano con un cuore forte, e io sono ancora in piedi e corro verso molte nazioni. La bontà e la misericordia mi corrono dietro tutto il tempo, e molto, molto di più.

Il punto è che ho dichiarato tutte queste cose molto prima che si manifestassero. Quando le cose sono andate male, ho detto: “Tutto va bene per la mia anima!”. L’ho detto per fede, e poi si è manifestato perché io posso avere, e voi potete avere, tutto quello che diciamo.

“Deciderai una cosa e ti riuscirà, e sul tuo cammino splenderà la luce.” Giobbe 22:28

Tutti abbiamo “circostanze”, e alcuni di noi hanno più avversità di altri, ma la differenza è se abbiamo il “lievito dell’incredulità” o la preziosità della fede. Cosa stai pensando e parlando?

“Quindi Mosè disse a popolo: «Ricordatevi di questo giorno, ne quale siete usciti dall’Egitto, dalla casa di schiavitú; poiché l’Eterno vi ha fatto uscire da questo luogo con mano potente; non si mangerà pane lievitato (pensiero o parlato, BD).” Esodo 13:3

Possa tu avere una Pasqua Ebraica Kosher totalmente priva del lievito dell’incredulità in modo che tu possa andare avanti e possedere la tua Terra Promessa!

Buona Pasqua Ebraica!

I vostri amici e mentori israeliani

Arcivescovo Dominiquae e Rabbino Baruch Bierman
“Per amore di Sion non tacerò” Isaia 62:1

Archbishop Dominiquae and Rabbi Baruch Bierman

Per inviare le vostre decime e le vostre offerte.

Testo originale: Inglese
Tradotto da deepL.com