Totem Poles, Christmas Trees and Obelisks

Totem, Alberi di Natale e Obelischi – Parte 1


Totem Poles, Christmas Trees and Obelisks
Porzione della Torà NITZAVIM – Devarim (Deuteronomio) 29:9-30:20

Anno Shmita di 5781/2021-5782/2022

“Non erigerai per te nessuna Ascerah di alcuna specie di legno accanto all’altare che costruirai all’Eterno, il tuo DIO; e non erigerai alcuna colonna sacra, che l’Eterno, il tuo DIO, odia.” Deuteronomio 16:21-22 LND

L’ ascerah era un palo sacro eretto nei luoghi di culto cananei per onorare la dea madre ugaritica Ascerah, consorte del dio El. La relazione tra i riferimenti letterari all’ ascerah e i ritrovamenti archeologici in Giudea di figurine a pilastro è oggetto di dibattiti accademici. Wikimedia Italia.

Chi è Ascerah?

La dea Ascerah e i pali di Ascerah sono nella Bibbia dall’Esodo a Michea, il che dimostra che questa forma di idolatria era una spina costante nel fianco di Israele.

“ma demolite i loro altari, frantumate le loro colonne sacre e abbattete le loro immagini,” Esodo 34:13 LND

La dea sembra essere la consorte divina della principale divinità maschile in un certo numero di pantheon mesopotamici e siro-palestinesi: il dio delle tempeste babilonese Amurru; il dio ugartico El; e forse anche il dio cananeo Baal. Asherah era chiaramente una dea popolare (1 Re 18:19). La sua apparizione prominente nella narrazione biblica indica anche che il suo culto era un importante rivale del culto di Yahweh (Es 34:13; Deut 16:21). Di conseguenza, questo spiega il numero di esempi in cui i pali di Ascerah sono eretti e venerati, le forti condanne di questa pratica e le rappresentazioni di questi pali abbattuti e bruciati (Judg 6:25-30; 2 Re 23:4-7).

Era spesso rappresentata nella Bibbia da pali sacri eretti vicino a un altare. La sua popolarità tra gli israeliti ancora contaminati da una visione del mondo politeista può essere suggerita dall’iscrizione trovata nella parte nord-ovest del Sinai, “Yahweh e la sua Ascerah “. Ascerah può essere il nome della dea della fertilità o il nome di un oggetto di culto. La dea era popolare nelle deviazioni pagane in Israele e talvolta era anche considerata una mediatrice delle benedizioni di Yahweh. https://www.olivetree.com/blog/what-is-an-asherah-pole/ (collegamento in inglese)

Totem Poles, Christmas Trees and Obelisks

Il Culto di Ascerah

Una caratteristica comune del culto cananeo e del culto sincretizzato israelita sugli “alti luoghi” e nei santuari cittadini è l’erezione di pali di Ascerah (Giudici 3:7; 1 Re 14:15; 15:13; 2 Re 13:6). Tuttavia, abbiamo poche informazioni sulla funzione di questi pali nella pratica rituale.

Lo scrittore dei Re indica la venerazione dei pali di Ascerah come una delle varie ragioni della conquista di Israele da parte dell’Assiria. Lo scrittore dei Re indica la venerazione dei pali di Ascerah come una delle varie ragioni della conquista di Israele da parte dell’Assiria. Pertanto, l’ordine di tagliare questi pali cultuali significava la necessità di purificare la nazione dall’influenza straniera e di tornare alla lealtà competitiva di Yahweh. https://www.olivetree.com/blog/what-is-an-asherah-pole/ (collegamento in inglese)

“voi, che vi infiammate fra le querce sotto ogni albero verdeggiante, che scannate i figli nelle valli, nelle fessure delle rocce?” Isaia 57:5 LND

“Poiché da molto tempo hai infranto il tuo giogo, hai rotto i tuoi legami e hai detto: “Non voglio piú servire! Ma sopra ogni alto colle e sotto ogni albero verdeggiante ti sei sdraiata come una prostituta.” Geremia 2:20 LND

Che Aspetto Aveva il Pali di Ascerah?

Gli studiosi non sono completamente sicuri se questi fossero semplicemente pali di legno che simboleggiavano alberi, forse contenenti l’immagine scolpita della dea della fertilità, o parte di un boschetto sacro. Immagini su sigilli scavati in Terra d’Israele, per esempio, mostrano Ascerah come un albero stilizzato nell’Età del Ferro. Il riferimento in 2 Re 17:10, che si riferisce ai pali di Ascerah accanto a “ogni albero che si diffonde” sembra indicare che questi erano per scopi cultuali piuttosto che alberi piantati.

Sembra che le donne tessessero tipi di coperture o paramenti per adornare la statua di Ascerah. Modellare abiti tessuti e ricamati per le statue degli dei in Mesopotamia era una pratica ben nota.

Totem Poles, Christmas Trees and Obelisks

Cosa Significa Questo per noi Oggigiorno?

I pali di Ascerah degli israeliti erano uno dei molti modi in cui violavano il comando di Dio di non avere altri dei o di adorare un’immagine creata (Es 20:3-6). Nel corso della storia dell’umanità, Dio ci ha richiamato a Lui. Adorare qualsiasi altra cosa non ha senso quando potremmo dare gloria al Creatore dell’universo.

Un paio di conclusioni che ho tratto dalle informazioni di cui sopra:

  • A volte ci vuole un po’ di tempo per imparare la lezione. Anche se continui a peccare contro Dio, tutto ciò che vuole è che tu torni a Lui.
  • Gli israeliti ricadevano spesso nell’idolatria a causa delle influenze delle culture vicine/invadenti. Metti la tua mente su di Lui e non lasciarti trascinare via da Dio dalla cultura di oggi.

Ascerah era talvolta eretta proprio accanto all’altare di Yahweh. Non lasciatevi ingannare nel credere di poter dare priorità ad altre cose tanto quanto a Dio. Come disse Yeshua, “Nessuno può servire due padroni”. (Matt 6:24). https://www.olivetree.com/blog/what-is-an-asherah-pole/ (collegamento in inglese)

Credo che finché continuiamo a scambiare il culto santo biblico con il culto pagano ereditato che provoca emozioni, stiamo scambiando la Sua Santità, Verità e Gloria per tradizioni fatte dagli uomini ispirate dall’idolatria. Questo scambio è molto costoso. Influisce negativamente sulla Sua Sposa, sulla sua purezza, autorità e gloria.

Durante questo anno Shmita ci vengono presentate le stesse opzioni che Elia presentò al popolo d’Israele sul Monte Carmelo,

“Allora Elia si avvicinò a tutto il popolo e disse: «Fino a quando tentennerete fra due opinioni? Se l’Eterno è DIO, seguitelo; ma se invece lo è Baal, seguite lui».” 1 Re 18:21

Per continuare…

I vostri mentori e amici israeliani,

L’arcivescovo Dominiquae e il rabbino Baruch Bierman

Per amore di Sion non tacerò. Isaia 62:1

Archbishop Dominiquae and Rabbi Baruch Bierman

Per inviare le vostre offerte di primi frutti e di festa per l’anno Shmita:

Testo originale: Inglese
Tradotto da deepL.com